Sei qui
Home > ENTI PUBBLICI > IL PESCE FRESCO IN SALENTO SI ORDINA DAL MARE

IL PESCE FRESCO IN SALENTO SI ORDINA DAL MARE

Il pesce in Salento si ordina direttamente dall’app del cellulare o via sms. Fin qui nulla di così di straordinario al giorno d’oggi. Ma l’idea che hanno sviluppato i due Gruppi di azione costiere (enti pubblico-privati che ricevono fondi europei), straordinaria lo è certamente. Perchè è il pescaotore, mentre è sulla sua imbarcazione, ad indicare sul tablet cosa ha pescato e quanti chili. L’informazione arriva direttamente, attraverso l’app o via sms, al consumatore, che così può prenotarne l’acquisto: la compravendita avverrà al porto, al ritorno dell’imbarcazione.

Questione di app
L’app Fish Direct è stata realizzata dalla cooperativa Elif. È composta di due parti. L’app mobile per i pescatori permette loro di inserire tutte le informazioni sul pescato (la tipologia, quantità, peso e qualità) e segnala anche l’orario di partenza e arrivo dell’imbarcazione. L’app per gli utenti permette invece di ricevere una notifica con il dettaglio di ciò che è stato appena pescato, e che può essere prenotato e acquistato andando direttamente sul porto.

 L’idea
Il progetto coinvolge tre cooperative per un totale di 20 barche: per ciascuna imbarcazione è stato consegnato un tablet. «All’inizio avevamo previsto diverse altre funzioni, ma abbiamo dovuto optare per una riduzione della complessità per abbassare la soglia d’ingresso», spiega a Corriere Innovazione Giuseppe Santoro di Elif, responsabile del progetto. Il percorso di formazione è stato di un paio di incontri, «ma la difficoltà maggiore è stata quella di vincere la ritrosia dei pescatori». «Per questo – continua Santoro – abbiamo realizzato un’interfaccia grafica semplificata che costituisca il minor intralcio possibile: devono perdere solamente tre secondi per inserire il loro pescato sull’app. Per invogliarli abbiamo poi aggiunto due funzionalità: le previsioni del tempo e la possibilità di lanciare un messaggio sos che comunica direttamente anche la posizione della barca, perché l’app permette la geolocalizzazione». Un altro obiettivo del progetto riguarda il monitoraggio costante del pescato, e anche il percorso quotidiano delle imbarcazioni.

 

fonte: corriere innovazione

Emily Casciaro
Giornalista, amo la comunicazione in tutte le sue forme, mi piace sempre apprendere cose nuove con grande curiosità. Preferisco lavorare in squadra, anche se tiro fuori le unghie quando è necessario. Mi occupo di uffici stampa e social media, ma la tv resta il mio primo amore...
http://www.ecomunicazione.eu

Articoli Simili

Lascia un commento

Top