Sei qui
Home > START UP > Il cibo del futuro si produce al Sud, grazie alla Spirulina. E a quattro giovani pugliesi

Il cibo del futuro si produce al Sud, grazie alla Spirulina. E a quattro giovani pugliesi

Sostenibilità, innovazione, ricerca, ambiente, futuro. Sono queste le parole che ricorrono quando ci si imbatte nella splendida realtà di Apulia Kundi, letteralmente la squadra della Puglia. Sì perché questa storia di coraggio e competenza viene dal profondo sud d’Europa, dal cuore del Mediterraneo e precisamente dall’area metropolitana di Bari, a Grumo Appula. È qui che quattro under 40 hanno pensato e realizzato un allevamento di Spirulina, un’alga, un microrganismo, l’alimento vegetale con il più alto contenuto di proteine (3 volte quello della carne) e di minerali (contiene 45 volte più ferro degli spinaci) che esista in natura.

Il cibo degli dei come lo chiamavano gli Aztechi o cibo del futuro come lo ha recentemente definito la FAO. La Spirulina, dicono oggi i ragazzi di Apulia Kundi, è un prodigio della natura: ha proprietà nutraceutiche straordinarie e un bassissimo impatto ambientale: per comprendere di cosa stiamo parlando basti pensare che per coltivare Spirulina serve 1/3 dell’acqua impiegata dalla soia, 1/6 dell’acqua impiegata per il grano e addirittura 1/50 dell’acqua necessaria per ottenere lo stesso quantitativo di proteine in forma di manzo.

Una vasca (non riscaldata, ma naturalmente intiepidita dal sole dalla primavera a dicembre) in una serra che riproduce il microclima del centro America e dell’Africa: questo è quello che serve ai quattro di Apulia Kundi per produrre questo straordinario nutrimento. E tanto lavoro, certo, passione e un interesse sincero anzi un vero culto per la sostenibilità ambientale, che poi significa interesse per il futuro del pianeta e di tutti noi.

Una storia di vera innovazione, quella di Raffaele Settanni e Danila Chiapperini (co-founders), Mara Zacchino (biotecnologa) e Leo Lo Cicero (responsabile di produzione), che è anche la storia di un’impresa che sta decollando e portando ricchezza e speranza in un Sud bisognoso di idee, lavoro e fiducia nel futuro.

Mentre prima la Spirulina, infatti, si produceva per il 90% fuori dall’Europa e solo sotto forma di integratore alimentare, in polvere o compresse, Apulia Kundi non solo ha fatto della Puglia uno dei territori di produzione di questo alimento del futuro, ma ha anche ispirato la produzione della pasta di Spirulina, cercando così di portare il consumo del microrganismo ad altri livelli e a mercati prima preclusi. Ma l’energia della Spirulina ha spinto Apulia Kundi ad esplorare ancora nuovi orizzonti e tentare altre avventure: a breve in commercio arriveranno infatti anche la birra alla Spirulina e una linea di cosmetici.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top