Sei qui
Home > SOCIETA' > Torna al Sud la Giornata nazionale dello Sport Paralimpico: per il 2017 scelta Foggia

Torna al Sud la Giornata nazionale dello Sport Paralimpico: per il 2017 scelta Foggia

Lo sport è per tutti.  Rispettando questo motto il Comitato Italiano Paralimpico ha scelto quest’anno di dare l’onore di ospitare l’undicesima Giornata nazionale dello sport paralimipico al Sud, in particolare alla città di Foggia. Il CIP ogni anno, infatti, sceglie alcune città italiane in cui chiamare a raccolta centinaia di studenti delle scuole locali, per offrire loro dimostrazioni di sport adattati e spettacolo all’insegna dell’integrazione. L’anno scorso si e’ svolta a Milano, Genova e Cagliari. I Giochi paralimpici sono l’equivalente dei Giochi olimpici per atleti con disabilità fisiche. Pensati come Olimpiadi parallele, prendono il nome proprio dalla fusione del prefisso “para” con la parola Olimpiade e i suoi derivati. La prima edizione delle “Paralimpiadi” internazionali si disputò nel 1960 in Italia, a Roma. Quest’anno l’evento, nell’edizione nazionale, torna in Puglia, dove mancava da cinque anni, e avrà il suo cuore appunto a Foggia, in piazza Cavour, dove saranno attrezzati un campo da gioco polifunzionale, percorsi e postazioni per provare le circa venti discipline e specialità collegate al Comitato Italiano Paralimpico. “E’ un grande onore poter tornare a ospitare la Giornata nazionale dello Sport Paralimpico – ha detto l’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese – nel pieno della trasformazione del Cip da movimento sportivo a ente sportivo indipendente, un passaggio simbolico che porta ancora più in alto l’asticella che devono impegnarsi a saltare le pubbliche amministrazioni, nel realizzare davvero la piena accessibilità allo sport e agli impianti sportivi”.

“La Giornata mobiliterà circa duemila bambini in una grande attività promozionale. – ha detto il presidente del Cip Puglia, Giuseppe Pinto – Preferiamo realizzare questi eventi nelle provincie dove pensiamo ci sia più bisogno di incoraggiare le famiglie ad avviare alla pratica sportive i propri figli con disabilità”.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top