Sei qui
Home > STORIE > BERBERE’: DALLA CALABRIA ALLA CATENA DI PIZZERIE BIO.

BERBERE’: DALLA CALABRIA ALLA CATENA DI PIZZERIE BIO.

Se fosse un film questa storia si intitolerebbe “Pizza, amore….ed economia”. Perchè nella vita di Matteo Aloe c’è tutta la passione e l’amore per la pizza, ma anche una formazione universitaria, una laurea in marketing a Bologna che ha rappresentato anche la marcia in più di Berberè. 

Berberè non è un semplice pizzeria. E’ un luogo dove degustare un menu di 15 pizze rigorosamente stagionali che segue l’avvicendarsi delle verdure tutte rigorosamente biologiche e dove c’è un’attenzione particolare alle farine.

 

Tutto parte da un piccolo paesino della Calabria,  Maida, in provincia di Catanzaro, un paese che ha come simbolo una donna che brandisce una spada per difendere il pane.
Come dire: l’amore per  le cose buone, Matteo ce l’aveva nel sangue.

E dalla prima pizzeria aperta in un piccolo centro commerciale a Castel Maggiore, subito dopo la laurea, sembra essere passata un’eternità.

Dal 2010 a oggi Berberè ha sette pizzerie in Italia e una partnership con Alce Nero che contribuisce alla selezione e fornitura dei prodotti biologici e due locali a Londra.

Già perchè la forza di Matteo Aloe e del fratello Salvatore è stata anche la scelta di un creare un prodotto di qualità, naturale, con un vero e proprio studio sugli ingredienti.

Forno elettrico per scelta, per garantire il massimo controllo della temperatura, impasto realizzato con lievito madre e lunghi tempi di lievitazione – almeno 24 ore a temperatura controllata – steso non sottile che consente il formarsi di una crosta sottile e croccante all’esterno mentre reste soffice dentro. E poi un’attenzione ai grani: qui si usano farine  semintegrali, con cereali integrali come l’enkir o il grano Senatore Cappelli, così come impasti con metodo di fermentazione totalmente privo di lievito, basato sull’idrolisi degli amidi.

Bologna, Firenze, Torino, Roma e Milano. La sfida di questi due fratelli catanzaresi continua con grande impegno.

 

Fonte: La Repubblica 

Emily Casciaro
Giornalista, amo la comunicazione in tutte le sue forme, mi piace sempre apprendere cose nuove con grande curiosità. Preferisco lavorare in squadra, anche se tiro fuori le unghie quando è necessario. Mi occupo di uffici stampa e social media, ma la tv resta il mio primo amore...
http://www.ecomunicazione.eu

Articoli Simili

Lascia un commento

Top